Sbarchi di clandestini ininterrotti: molti hanno pure il Covid. E gli italiani con la mascherina…

clandestini sbarchi lazio (2)

Ancora sbarchi a Lampedusa. Sono per ora due le carrette del mare intercettate a poche miglia dall’isola. A bordo della prima 36 clandestini, tutti uomini, sulla seconda, invece, viaggiavano in 10 tra cui 2 donne, tanto per gettare fumo negli occhi. Intanto proseguono le operazioni di trasferimento a nostre spese, coordinate dalla Prefettura di Agrigento, per svuotare l’hotspot arrivato a ospitare nei giorni scorsi oltre 1.300 persone su 250 di capienza. Ieri 150 immigrati illegali, tra cui donne e minori, sono stati imbarcati sulla nave della Guardia costiera per essere trasferiti a Pozzallo, nel Ragusano. Da qui raggiungeranno Crotone. Altri 150, invece, sono stati imbarcati sulle motovedette in direzione Porto Empedocle, mentre proseguono i trasferimenti sulla nave quarantena. Quanto costano queste navi?

Salvini, sbarchi triplicati. E quest’estate?

“Tema caldo è quello degli sbarchi, ho chiesto a Draghi e al ministro competente un intervento, si sono triplicati rispetto allo scorso anno. Abbiamo superato quota 18mila, nonostante il covid”. Così Matteo Salvini, al termine dell’incontro a Palazzo Chigi con il premier Mario Draghi. “”E’ un problema sociale, di sicurezza”, attacca Salvini. “L’Italia non può essere meta di traffici e di arrivi illegali”. “Servono interventi seri – aggiunge – non si può pensare a una estate di sbarchi”.

La Lega di Lampedusa: è il momento di dire basta

“Il segretario del Pd dice che dobbiamo accogliere più migranti perché serve manodopera. Venga a Lampedusa a vedere la sua manodopera. Faccia un bel giro dentro l’hotspot. Ammassati, senza alcun distanziamento e mascherine, costretti a dormire all’aperto, buttati a terra come sacchi di patate. Eccola l’accoglienza di cui parla la sinistra, a cui l’unica cosa che interessa è il business di carne umana”. A dirlo è Attilio Lucia, responsabile locale della Lega di Lampedusa. Da giorni sulla più grande delle Pelagie proseguono gli sbarchi, complici le condizioni climatiche favorevoli barconi e barchini attraversano il Mediterraneo per raggiungere il lembo più a sud dell’Europa. Adesso è arrivato il momento di dire basta: non possiamo accogliere l’Africa intera”.

Gli isolani si sono vaccinati, ma i clandestini riportano il virus

“Da giorni c’è un’invasione – sottolinea -, ma il sindaco Martello continua con le sue bugie. Dice che non c’è alcuna emergenza, provando a nascondere quello che i fatti smentiscono”. A preoccupare il leghista di Sicilia è anche la notizia di 10 casi di variante Delta tra i migranti sbarcati a fine maggio sull’isola e posti in isolamento sulla nave quarantena. “Un fatto di una gravità inaudita. Lampedusa vive di turismo, o almeno vorrebbe farlo. Noi lampedusani ci siamo vaccinati per accogliere in tutta sicurezza i turisti e, invece, tutti i nostri sacrifici rischiano di essere vanificati dall’incapacità del ministro Lamorgese. Senza contare l’incalcolabile danno d’immagine all’isola. E’ arrivato il momento di fermare gli sbarchi. Subito”.

Rampelli: sciatteria del governo

“I continui sbarchi che incessanti proseguono sulle coste italiane, la saturazione dell’hotpost di Contrada, con 1226 ospiti a fronte di una capienza di 250 persone, alcune delle quali positive con la variante delta, sono fatti che dimostrano la sciatteria del governo Draghi. Proprio a Lampedusa oggi l’arrivo di altri 24 clandestini mentre ieri l’ennesima scena surreale di uno sbarco fantasma. 15 tunisini, tra cui 4 minori, che senza aspettare di arrivare alla riva, si sono tuffati in acqua arrivando a nuoto direttamente in spiaggia, tra lo sconcerto dei turisti e in barba agli accertamenti delle autorità”. E’ quanto dichiara in una nota Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi.

Nell’hotspot riscontrati per ora dieci clandestini positivi

“L’hotspot di contrada Imbriacola oltre a essere saturo ha riscontrato 10 migranti positivi alla variante delta del Covid 19, contagiati asintomatici che arrivano dal Bangladesh e che ora sarebbero stati messi in quarantena a bordo di una nave. La situazione è preoccupante il rischio è sanitario e di sicurezza del territorio. I ministri Lamorgese e Speranza che fanno? Il presidente Draghi deve spiegare come intenda gestire una stagione turistica compromessa dalla pandemia e affrontare definitivamente la questione al livello europeo”, conclude.

Gasparri: dopo tutti i sacrifici, adesso i clandestini li vanificano

“L’emergenza sbarchi, ripresa con pericolosa intensità negli ultimi mesi va fermata una volta per tutte. La notizia della presenza tra gli immigrati arrivati a Lampedusa di alcuni positivi alla variante delta rappresenta l’ennesimo segnale di allarme per l’Italia che non può essere ignorato. In una fase in cui finalmente la situazione appare sensibilmente migliorata grazie ai sacrifici di questi mesi e dopo lutti e tragedie, non possiamo correre il rischio di subire l’ennesima invasione. Con il rischio di importare in maniera incontrollata le nuove varianti del Coronavirus. A fronte delle verifiche effettuate su alcuni arrivi ci sono sbarchi che sfuggono al controllo delle autorità. Per questo c’è bisogno di una politica di maggiore severità che oltre a proteggere il nostro territorio e i cittadini italiani.”. Lo dichiara il senatore Maurizio Gasparri.

Per approfondire