Scritte No Vax sul muro dello Spallanzani. La condanna delle istituzioni, ‘inaccettabile’

“Propaganda vaccinale per diritti e libertà atto criminale”, “i vaccini uccidono”, “vaccino di Stato sterminio legalizzato” e “vaxate i bambini siete mostri e assassini”. Sono alcune delle scritte, conseguenza di un attacco no-vax all’ospedale Spallanzani di Roma. Realizzate in nottata, con una bomboletta di vernice rossa, le scritte sono firmate da una misteriosa sigla W. Adesso, la Polizia scientifica e i Carabinieri stanno indagando. Per capire chi possa essere stato a porre in atto quello che più che una bravata, sembra un affronto intollerabile.

Perché proprio lo Spallanzani, è stato ed è il simbolo della frontiera più avanzata della lotta al Covid. Con tanti medici, infermieri e sanitari che si sono sacrificati per salvare vite umane in momenti difficilissimi. Le indagini non trascureranno nulla, anche eventuali testimonianze o possibili immagini riprese dalle telecamere di sorveglianza. Specie in un momento come questo dove la possibile saldatura tra mondo no vax e propaganda filo russa nel conflitto con l’Ucraina preoccupa e non poco i vertici delle istituzioni.

Manifestazione No Vax a piazza Venezia: tensioni con la polizia (video)

La condanna unanime delle istituzioni per le scritte no vax allo Spallanzani

“Condanno fortemente questo gesto vile ed auspico che gli autori siano presto individuati. Questi vigliacchi non hanno rispetto di chi in prima fila sta combattendo per difendere la salute di tutti”, il commento dell’assessore alla sanità della regione Lazio, Alessio D’Amato.

“Il vaccino anti Covid ha salvato milioni di esseri umani. Le scritte no vax allo Spallanzani contro gli operatori sanitari sono una follia”, ha aggiunto il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti. “Medici, infermieri e personale della sanità sono stati protagonisti di una battaglia per la vita – continua Zingaretti -. A loro, ancora una volta, grazie di cuore. Solidarietà, nella speranza che questi vigliacchi vengano presto individuati”.

Condanna anche dal sindaco di Roma, Roberto Gualtieri. “Inaccettabili le scritte no vax contro gli operatori sanitari apparse stanotte allo Spallanzani. Massima vicinanza e solidarietà a medici e infermieri che ogni giorno sono in prima fila per tutelare la salute di tutti noi”, conclude Gualtieri su Twitter.

 

Per approfondire