Sindaca Raggi, ecco le bestie: due algerini

Due algerini

A Roma ormai le bande straniere imperversano: due algerini sono finiti agli arresti. I malviventi prima hanno derubato e poi preso a botte, duramente, un senegalese. Tanto per parlare di sicurezza nella Capitale.

La brutta avventura è capitata a un senegalese di 38 anni, questa notte, lungo la via Prenestina. L’uomo era a bordo del tram 14 quando si è reso conto di essere stato derubato del telefonino da due persone che, approfittando della fermata del mezzo, sono scese per darsi alla fuga.

Presi due algerini per le botte al senegalese

La vittima si è messa all’inseguimento dei ladri e all’altezza del civico 58, i due vigliacchi lo hanno  duramente affrontato. E hanno iniziato a colpirlo, dapprima con calci e pugni, poi con un sasso e un coccio di bottiglia raccolti in strada.Proprio in quel momento, stava transitando lungo la strada una pattuglia di Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma piazza Dante: i militari, vista la scena, sono intervenuti bloccando i due ladri e attivando i soccorsi per il 38enne, che ha riportato lesioni giudicate guaribili in 5 giorni dai medici dell’ospedale San Giovanni Addolorata.

Dalla Prenestina sono finiti a Regina Coeli

I carabinieri hanno recuperato il telefono e lo hanno restituito alla vittima, mentre i suoi aggressori – due cittadini algerini di 31 e 32 anni, entrambi con precedenti – ammanettati con le accuse di rapina aggravata in concorso e lesioni personali, hanno dovuto fare destinazione all’indirizzo del  carcere di Regina Coeli.

Per approfondire