Solo 1.500 contagi, ma la domenica si fanno pochissimi tamponi. Infatti aumentano i morti: 34

area covid (2)

Sono 1.516 i nuovi contagi da Covid in Italia (ieri 2.278), secondo i dati del ministero della Salute. Da ieri sono stati registrati altri 34 morti (ieri 27) che portano a 131.335 il totale delle vittime da inizio emergenza. Nelle ultime 24 ore sono stati eseguiti 114.776 tamponi, con un tasso positività di 1,32%. In aumento le persone ricoverate in ospedale con sintomi, che sono 2.688 (ieri 2.651), con un aumento di 37 rispetto a ieri mentre sono 374 i ricoverati in terapia intensiva (+10 rispetto a ieri), con 18 ingressi nelle ultime 24 ore. Sono 4.486.391 i guariti (+ 2.184 ) e 84.106 gli attualmente positivi (-702 ).

Nel Lazio stesso andamento: meno contagi ma più morti

Oggi nel Lazio, “su 8.730 tamponi molecolari e 3.841 tamponi antigenici per un totale di 12.571 tamponi, si registrano 188 nuovi casi positivi (-33), -52 casi rispetto a lunedì 4 ottobre; 5 i decessi (+2), 361 i ricoverati (+21), 51 le terapie intensive (+1) e 193 i guariti. Il rapporto tra positivi e tamponi è all’1,4%. I casi a Roma città sono a quota 102”. Lo evidenzia l’assessore alla Sanità e Integrazione sociosanitaria, Alessio D’Amato, nel bollettino al termine dell’odierna videoconferenza della task-force regionale per Covid-19 con i direttori generali di Asl e aziende ospedaliere, policlinici universitari e l’ospedale pediatrico Bambino Gesù. Nelle province si registrano 37 nuovi casi e zero decessi, prosegue il bollettino Covid del Lazio.

“Superato il 90% della popolazione adulta” vaccinata e “oltre l’83% di over 12 hanno concluso il percorso vaccinale. Il Lazio presenta tassi di copertura vaccinale tra i più alti in Europa”. Lo evidenzia l’assessore alla Sanità della Regione, Alessio D’Amato, nel bollettino Covid quotidiano.

 

Per approfondire