Spaccio, arrestati cittadini africani e romani percettori del reddito di cittadinanza

droga carabinieri

I Carabinieri del Comando Provinciale di Roma hanno arrestato in varie zone della Capitale 10 persone, ritenute gravemente indiziate del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Nel corso delle attività sono stati sequestrate centinaia di dosi di sostanze stupefacenti varie e circa 3.000 euro in contanti, ritenuti provento di attività illecite. Nei pressi della fermata metropolitana “Centocelle”, i Carabinieri del Comando Piazza Venezia hanno arrestato un cittadino della Guinea 40enne già con precedenti. L’uomo, è stato notato con fare sospetto ed è stato fermato per un controllo. Sul posto, i militari hanno rinvenuto e sequestrato 11 g di eroina. La successiva perquisizione presso il domicilio dell’indagato ha portato al sequestro di altri 114 g di eroina, e 11 g di cocaina, un bilancino di precisione, e  circa 240 euro.

Al Tufello arrestato un romano col reddito di cittadinanza

In zona Tufello, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Montesacro hanno arrestato un 53enne romano, con precedenti, percettore di reddito di cittadinanza. Il quale, a seguito di un controllo, aveva 16 involucri contente cocaina e la somma di 200 euro in contanti ritenuti proventi dell’attività illecita. In via Labicana angolo via Tommaso Grossi, i Carabinieri del Nucleo Operativo hanno arrestato un cittadino del Gambia di 39 anni con precedenti. In particolare l’indagato, nei pressi del parco di Colle Oppio, si è avvicinato ad un militare libero dal servizio offrendogli una dose di stupefacente. Il militare ha subito allertato i colleghi del reparto di appartenenza che bloccavano lìafricano. Nelle sue tasche i Carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato 4 dosi di hashish.

Anche a San Basilio percettore di reddito di cittadinanza spacciava cocaina

In via Quirino Majorana, i Carabinieri della Stazione Roma Porta Portese, hanno arrestato un 57enne già con precedenti, L’uomo è stato fermato nel corso di un servizio di controllo alla circolazione stradale a bordo di un’utilitaria, risultato privo di copertura assicurativa. La successiva perquisizione, i militari hanno rinvenuto un involucro in cellophane contenente sostanza stupefacente circa 98 g di hashish. Nel quartiere di San Basilio, in via Corinaldo, I Carabinieri della Stazione Roma San Basilio, hanno arrestato un romano di 46 anni, percettore di reddito di cittadinanza. L’uomo, già noto ai miliari, notato con fare sospetto e subito giungeva il controllo. La perquisizione sul posto ha permesso di rinvenire nelle tasche dell’uomo 12 involucri di contenente cocaina.

Gambiani, egiziani, guinaiani: tutti dediti allo spaccio

A bordo dell’autobus linea 999, i Carabinieri del Nucleo Operativo Roma San Pietro, hanno notato uno scambio sospetto tra tre soggetti e hanno deciso di bloccarli. Arrivati alla fermata di via Franco Basaglia, i militari hanno accertato che un 28enne del Gambia, già con precedenti, poco prima, aveva ceduto un involucro di eroina a un romano di 49 anni e, subito dopo, un involucro di eroina a un 55enne di Roma. La successiva perquisizione sull’indagato, ha permesso ai Carabinieri di rinvenire ulteriori cinque involucri della stessa sostanza. I Carabinieri della Stazione Roma Montespaccato, in via Mario Carrara hanno arrestato in flagranza due fratelli di 25 e 26 anni. Presso il loro domicilio rinvenuti e sequestrati 100 g di hashish, 170 g di marijuana, una pistola lanciarazzi cal.22 e la somma in contante di circa 3.000 euro.

Tutti gli arresti convalidati

Infine, la scorsa notte, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Piazza Dante, hanno arrestato due cittadini egiziani di 26 e 21 anni, entrambi già con precedenti. In particolare, i militari hanno sorpreso i due soggetti, in via Gioberti angolo via Giolitti, mentre procacciavano un “cliente” per poi cedergli un involucro. I Carabinieri hanno accertato che i due indagati avevano ceduto un involucro contente hashish dietro il corrispettivo di euro 10 a un cittadino italiano. Identificato e segnalato al Prefetto, quale assuntore. La perquisizione personale sui due soggetti, ha permesso ai militari di rinvenire altre 3 dosi della stessa sostanza stupefacente. Tutti gli arresti convalidati.

Per approfondire