Spaccio e armi da taglio. Controlli e arresti della Polizia

Continuano senza sosta i controlli degli agenti della Polizia di Stato. Che nell’ambito della repressione dei reati predatori e dello spaccio, hanno arrestato un gambiano di 26 anni e denunciato altri due giovani. Il primo è stato arrestato per spaccio di sostanze stupefacenti e porto ingiustificato di armi da taglio. Mentre  i secondi sono stati denunciati per porto di armi od oggetti atti ad offendere. Ma tra i fermati non ci sono solo extracomunitari. Infatti è finito nei guai anche un minorenne romano. Con un coltello a serramanico in tasca. E un pugno metallico  magari da usare in qualche rissa serale.

Tanti immigrati nelle piazze dello spaccio. Ma anche giovani ‘bulli’ romani nel mirino delle Forze dell’ordine

Su Ponte Sisto, nella stessa nottata, ma in 2 diverse circostanze, gli investigatori del commissariato Trastevere hanno arrestato A.S.. Ed hanno denunciato un 20enne del Benin. Il primo è stato sorpreso mentre vendeva 2 dosi di hashish e, perquisito, è stato trovato con addosso i soldi dello spaccio, un taglierino ed una catenina d’argento rotta.  Il secondo, che durante il controllo è apparso subito nervoso, all’interno della tasca sinistra del giubbotto che indossava nascondeva un coltello a serramanico della lunghezza complessiva di 20 centimetri. Gli stessi investigatori, in Via della Pelliccia, hanno infine denunciato un minorenne. Che  fermato per un controllo, ha spontaneamente tirato fuori dalla tasca anteriore destra dei pantaloni un tirapugni in acciaio.

Per approfondire