Sulla nuova Malagrotta raffiche di no. Contrari Aeroporti di Roma e Comando Militare

Arrivano altre raffiche di no sul progetto di Malagrotta due. Che secondo il comune di Roma e la Regione Lazio dovrebbe sorgere sempre a Valle Galeria, in località Monte Carnevale. E che dovrebbe accogliere i rifiuti urbani della capitale. Due lotti da 75 mila metri quadri capaci di contenere oltre 1,4 milioni di tonnellate di immondizia. L’area appartiene alla società New Green Roma di proprietà di Valter Lozza per il 75 per cento. Lo stesso imprenditore che già indirettamente o meno possiede due delle tre discariche del Lazio. Quella di Roccasecca dei Volsci e quella di Civitavecchia. Nello stesso sito la Regione ha già autorizzato il deposito di materiali inerti, e ora l’idea è quella di allargare l’invaso e di cambiare l’autorizzazione. Per estenderla appunto ai rifiuti urbani di tutta la città. La proposta della Regione Lazio guidata dal presidente Zingaretti è stata accolta alla fine del 2019 dalla sindaca Raggi, che con delibera di giunta del 31 dicembre scorso ha dato un ok di massima al progetto. Da allora però si è registrata una forte spaccatura anche all’interno del Movimento Cinque Stelle. E l’Aula di Giulio Cesare ha smentito la sindaca esprimendo un parere contrario su Monte Carnevale. Ma non basta. Perchè anche gli uffici comunali competentI ora alzano il tiro. E dicono no. Almeno senza uno studio della valutazione di impatto ambientale del nuovo ecomostro.

Raffiche di no per Malagrotta due. Contrari cittadini, uffici comunali e perfino il Comando Militare e Aeroporti di Roma

La scelta operata da Zingaretti e avallata almeno all’inizio dalla sindaca Raggi di individuare nel sito di Monte Carnevale la possibile nuova discarica di Roma ha messo d’accordo tutti. Nel senso che le istituzioni interpellate hanno travolto Regione e comune di Roma con raffiche di no. Per primi ovviamente hanno protestato i cittadini di Valle Galeria. Che dopo trent’anni di Malagrotta davvero non si aspettavano quest’altro regalo. A meno di un chilometro di distanza dal vecchio sito. Ora i vari comitati di zona hanno fatto ricorso al TAR e sono nel pieno della battaglia giudiziaria. Ma anche gli uffici del Campidoglio si sono dichiarati contrari al progetto. Almeno senza un’accurata valutazione di impatto ambientale. Che coinvolgerà anche l’Arpa e le altre strutture tecniche preposte. Questa la posizione ufficiale espressa con una nota del 29 maggio dal direttore della competente direzione rifiuti del comune dottoressa Laura d’Aprile. E dal responsabile valutazioni ambientali Cecilia Natali. Ma il fuoco incrociato non finisce qui. Perchè ora contro Malagrotta due scendono in campo anche Aeroporti di Roma e il Comando Militare della Capitale.

http://l.facebook.com/l.php?u=http%3A%2F%2Fwww.romatoday.it%2Fpolitica%2Fmalagrotta-2-discarica-parere-tecnici-regione-lazio.html&h=AT3i4QSKPUq2kaacTAaq9ybSpBNTE1MxoB0Q63EMg-zcmYsqb4uWbB4ZpsbgFkPSK7lScxGlzeBlzzzEbwkURldSomquShafDyytKTQRpCFlR0amsGZlhOgbNXsMuRo&s=1

Per ADR rischio di birdstrike con la nuova discarica. E per il Comando Militare l’area è incompatibile con il progetto 

Ci sarebbe un forte rischio di birdstrike con la nuova discarica di Malagrotta due in funzione. Questa la posizione espressa da Aeroporti di Roma sulla possibilità che a Monte Carnevale sorga il nuovo sito permanente per accogliere i rifiuti di Roma. Infatti la distanza in linea d’aria dalle piste di atterraggio e di decollo dell’Aeroporto internazionale di Fiumicino è relativamente ridotta. E con tonnellate di immondizia in loco gabbiani e altri volatili potrebbero moltiplicarsi. Mettendo a rischio la sicurezza di aerei e passeggeri. Un no secco al progetto dunque, che fa il paio con quello espresso dal Comando Militare di Roma. Infatti vicino a quella che dovrebbe diventare la nuova discarica della capitale si trova proprio il Centro Intelligence Interforze. Che ospita ogni giorno circa 700 dipendenti tra militari e civili e circa 350 famiglie. Tra cui persone con minori. In più una parte dell’area è sottoposta a servitù militare, proprio per la delicatezza del sito in questione. L’unico progetto tollerabile è quello del risanamento ambientale della zona, fanno sapere dai vertici militari. E scomodando la nostra migliore letteratura risorgimentale, sembra proprio che il parere unanime sia chiaro. Questa nuova discarica non s’ha da fare. Perchè raccoglie solo raffiche di no.

https://www.romadailynews.it/politica/no-di-adr-e-comando-militare-a-discarica-monte-carnevale-0464914/

 

Per approfondire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *