Tentano furto a deposito Ama, come ‘palo’ bimbo di tre anni

Una coppia di origine algerina ha tentato un furto con scasso al deposito dell’Ama di Ponte Mammolo. La cosa più grave però è il fatto che l’uomo di 37 anni già pregiudicato e la moglie hanno portato con se’ il figlioletto. Tenuto in braccio dalla mamma, simulando una scenetta familiare. Ma in realtà con l’intento di creare un diversivo. Fargli fare da ‘palo’ insomma. Nel caso in cui qualcuno si fosse insospettito. Cosa che è puntualmente successa, stante il fare guardingo della donna. Solamente che le forze dell’ordine non hanno abboccato allo stratagemma. E il malvivente con sua moglie sono stati arrestati.

Il furto sventato dall’intervento delle Forze dell’ordine

I Carabinieri, transitando nei pressi di un centro di raccolta rifiuti di proprietà A.M.A. in zona Ponte Mammolo, hanno scoperto una coppia di cittadini algerini. Un uomo, di 37 anni con numerosi precedenti alle spalle, e una donna di 28 anni, incensurata –. Mentre stavano mettendo a segno un furto all’interno dell’impianto. La donna, in particolare, è stata notata dai militari in strada. Con in braccio il figlioletto di 3 anni, in atteggiamento fortemente sospetto. Dopo averla avvicinata per un controllo, i Carabinieri hanno accertato che il marito era all’interno della struttura. Da cui stava portando via apparecchiature elettriche ed elettroniche e cavi in rame. L’uomo è stato arrestato e posto agli arresti domiciliari mentre la moglie è stata denunciata a piede libero. Entrambi devono rispondere di furto aggravato.

 

Per approfondire