Tentata rapina a Termini, straniero arrestato dai Carabinieri

Si era introdotto in un negozio della galleria commerciale della stazione Termini, in serata. Voleva sfruttare il momento per poter depredare il luogo da abiti ed accessori. Ma alla fine gli è andata male. Nonostante lo stratagemma ingegnoso messo in atto per la rapina e l’eliminazione dei dispositivi antitaccheggio infatti, il ladro non è riuscito a mettere a segno il colpo.

I Carabinieri del Nucleo Scalo Termini di Roma hanno arrestato il cittadino straniero di 36 anni, con l’accusa di rapina. Dopo averlo bloccato e trattenuto. L’uomo ha fatto resistenza, ma infine è stato bloccato anche con l’ausilio di un vigilante che si trovava sul posto.

L’uomo era stato ingegnoso ma i Carabinieri del nucleo di Termini lo hanno scoperto

Il ladro ieri sera si è introdotto all’interno di un esercizio situato all’interno della galleria commerciale della Stazione Termini. Con in mano una borsa di plastica e all’interno una scatola di cartone. Una volta dentro al negozio ha sottratto diversi capi di abbigliamento e li ha infilati nella scatola da una fessura che aveva creato sotto la busta di plastica. Il tutto dopo aver rimosso i dispositivi antitaccheggio.

Lo ha notato per primo un addetto alla sicurezza, che ha tentato poi di fermare il 36enne si accingeva ad uscire del negozio. Il vigilantes però è stato aggredito dallo straniero nel tentativo di guadagnarsi la fuga. Alla fine, però, i Carabinieri in transito nelle vicinanze hanno notato la scena e sono intervenuti bloccando definitivamente il malintenzionato.

La successiva perquisizione personale ha permesso di rinvenire la merce sottratta e di scoprire l’ingegnoso stratagemma utilizzato. Portato in caserma, l’uomo è stato trattenuto a disposizione dell’Autorità Giudiziaria in attesa del rito direttissimo.

 

Per approfondire