Terrorismo, Gasparri: “Pseudo intellettuali e politici falliti difendono ancora gli assassini”

terrorismo battisti (2)

“La Giornata dedicata alle Vittime del terrorismo da un lato deve essere occasione di omaggio a quanti furono sterminati da una follia omicida che alcuni ancora oggi difendono con irresponsabilità. Dall’altro deve essere un momento che ci impegni tutti a una ricerca delle verità più profonde e ancora negate”. Lo afferma Maurizio Gasparri, componente del Comitato di presidenza di Forza Italia. “Per quanto riguarda il primo aspetto, è triste -aggiunge- vedere presunti intellettuali e politici falliti difendere i terroristi comunisti recentemente arrestati in Francia, dopo decenni di impunità. Quella gente, che non mostra alcun pentimento, deve essere rapidamente estradata in Italia dove deve scontare in carcere le condanne a cui si è sottratta”.

E’ tempo di desecretare i documenti sulle varie stragi

“Per quanto riguarda la ricerca della verità, è tempo di desecretare quei documenti che abbiamo letto in occasione dell’ultima commissione Moro e che la stampa ha più volte pubblicato. In quelle carte, che sono negli archivi dei Servizi di sicurezza, si legge la verità sulla strage di Ustica e sulla strage di Bologna. La pista mediorientale è descritta con precisione, con dettagli, con date e circostanze. Il segreto non è più tale, ma ancora viene ipocritamente mantenuto. Mattarella e Draghi conducano una vera azione di verità. Con quelle carte rivelate e discusse in Parlamento, finalmente sapremo chi ha davvero fatto la strage di Ustica e la strage di Bologna. Eventi terroristici concepiti in Medio Oriente”.

Fratelli d’Italia: contrastare ogni terrorismo

“Oggi, 9 maggio, vogliamo tributare un pensiero commosso a tutti coloro che sono stati colpiti dalla violenza del terrorismo di ogni matrice. E un sentimento di vicinanza e di solidarietà alle loro famiglie il cui dramma, nonostante il decorrere inesorabile del tempo, è sempre impresso nei loro cuori. Il ricordo straziante di questi vili atti deve spingere tutti noi a promuovere e garantire con forza i diritti di libertà e a condannare e contrastare ogni forma di terrorismo”. Lo dichiara Francesco Figliomeni, consigliere di Fratelli d’Italia e vice presidente dell’Assemblea Capitolina. Questa giornata, che cade nel giorno in cui ricorre anche l’anniversario del barbaro assassinio di Aldo Moro da parte delle Brigate Rosse, ci ricorda che i valori di unità e di rispetto sono alla base della nostra convivenza civile”, conclude.

Brunetta: terroristi annebbiati dalle ideologie

“Voglio onorare oggi come cittadino e come rappresentante delle istituzioni tutte le vite spezzate dai colpi vigliacchi del terrorismo. Tutte le persone uccise troppo spesso da mani giovani annebbiate dalle ideologie. Negli anni più bui del nostro Paese in tanti si illusero di cambiare l’Italia colpendola a morte”. Così il ministro per la pubblica Amministrazione, Renato Brunetta, nel Giorno della memoria dedicato alle vittime del terrorismo e delle stragi. “Il conto di quel delirio -afferma Brunetta- lo ha pagato l’intera nazione e lo scontano ancora oggi i familiari delle vittime. Appartengo alla generazione di chi si macchiò di fatti di sangue e sento tutto il peso degli anelli che mancano nella ricostruzione dei fatti”. “Non è più tempo di silenzi colpevoli. Verità e memoria sono architravi di ogni futuro possibile”. aggiunge il ministro della Pa.

Per approfondire