Tic toc Virginia, suona la sveglia contro il degrado (video)

Ormai quelli di Dillo a Noi Roma si sono specializzati nei video. Che mostrano sulla pagina Facebook dell’ associazione il degrado nel quale purtroppo sta scivolando sempre di più la nostra amata Capitale. Sono denunce puntuali postate in rete, certo. Ma questi filmanti in realtà potrebbero anche essere utili alla sindaca e alla amministrazione grillina che governa Roma. Per rendersi contro dei propri errori e delle mancanze. Che dopo quattro anni e mezzo di governo della città iniziano a essere troppi. Ma anche per metterci una pezza, se possibile. Magari mandando l’Ama sui territori. E controllando che la pulizia venga fatta per davvero. Per ora però non sembra succedere nulla. E le tante segnalazioni cadono quassi sempre nel vuoto. Ecco allora lo slogan ideato dall’associazione, Tic toc Virginia. Sveglia. Che suona però anche come un segnale di sfratto per la prima cittadina. Come a dire che il tempo a disposizione sta per scadere. E che la parola tornerà presto ai cittadini romani. Che potranno decidere, basandosi su quello che vedono. E stando al video di Dillo a Noi Roma che 7Coll ripropone per i propri lettori, non si tratta certamente di un bello spettacolo.

Capitale nel degrado. Il muro del pianto sta a Porta Tiburtina

Degrado capitale. Alla piramide e a via Marmorata sporcizia e bivacchi davanti alla Posta. E al Testaccio spunta un dormitorio

Una città sempre più immersa nell’incuria e nel degrado. È questa la fotografia della Capitale che emerge dal video realizzato nel reportage dell’associazione Dillo a Noi Roma. Guardate che spettacolo, recita la voce di commento. Verghino signori, verghino. E la telecamera del telefonino indugia proprio sui giardinetti del Parco della Resistenza. E davanti all’ufficio postale di via Marmorata. Con sacchetti di plastica abbandonati, cibo avanzato e resti di vestiti laceri e usati. Con sporcizia ovunque. E magari anche qualche biscia e qualche siringa nascoste nella sterpaglia. Che diventa facilmente ricettacolo di infezioni. Specie con questo caldo, e con i topi che sempre più la fanno da padroni. Una situazione indegna per una capitale di un Paese che ci ostiniamo a definire civile. Alla quale bisogna che la Raggi e la sua amministrazione pongano rimedio. Perché l’emergenza sanitaria è sempre in agguato.

Degrado e sporcizia, al Quarticciolo è rischio epidemia (video)

Gente che dorme nei giardinetti senza nessun controllo. Raggi sveglia, a Roma sono oltre 300 i micro campi abusivi 

Tic toc, sveglia Virginia. Chissà se stavolta l’appello dei cittadini e delle associazioni sarà ascoltato. Perché la città avrebbe davvero bisogno di tanta cura in più. Di essere aiutata a risollevarsi, cominciando dalla lotta al degrado. E invece si vede solo abbandono, nelle periferie così come alle porte del centro storico. La denuncia di Dillo a Noi Roma parla chiaro. Ma è solo l’ultima di una lunga serie. Che va dal Quarticciolo al Quadraro. Passando per la Palmiro Togliatti e Tor Bella Monaca. Per finire ai quartieri nobili, come il Trieste Salario e adesso Piramide e via Marmorata. Proprio nel centro della Capitale. Con le scene che si ripetono, come un nastro rotto. Immondizia, cassonetti strapieni, strade sporche e non lavate. Erba alta nei parchi e bivacchi di sbandati ovunque. Secondo l’ultimo rapporto della Croce Rossa, oltre 300 micro insediamenti in tutta Roma. Con un esercito di invisibili, dimenticati e fuori controllo. La sveglia starà anche per suonare, ma un bel 4 in pagella all’amministrazione a cinque stelle di Roma non glielo toglie davvero nessuno.

🛑Degrado Capitale‼️Piramide via Marmorata sporcizia e bivacchi davanti la Posta‼️Dormitorio a cielo aperto all’ingresso di Testaccio‼️Toc Toc Virginia‼️

Pubblicato da Dillo a Noi Roma su Lunedì 17 agosto 2020

 

 

 

Per approfondire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *