Ultimissima ora, schianto mortale sulla Nomentana

Un motociclista è morto nella mattinata di oggi, venerdì 29 aprile. A seguito di un incidente stradale avvenuto in provincia di Roma, sulla via Nomentana all’altezza di quella che è conosciuta come la curva della Madonnella. Lo schianto è avvenuto intorno alle 06:30, nel territorio del comune di Fonte Nuova.

Il motociclista a bordo della sua moto si è scontrato con un furgone frontalmente. Almeno a giudicare dall’impatto e dai danni riportati dai due mezzi. Ed è morto sul colpo. Sul posto il personale medico del 118 e i carabinieri della compagnia di Monterotondo per i rilievi. La strada in direzione Mentana che porta anche verso Roma, è stata chiusa e il traffico è andato in tilt.

Lo schianto mortale è l’ultimo di una lunga serie

Adesso il furgone che ha impattato contro una moto questa mattina presto sulla Nomentana nei pressi di Guidonia, verrà sequestrato. Mentre il conducente è stato già sottoposto all’alcol test e agli accertamenti di rito. Del resto, la curva della Madonnella in passato è stata già teatro di altri incidenti mortali.Ma per ora, nessuno ha preso provvedimenti. Per rendere questo tratto di strada più sicuro. E purtroppo, il centauro morto questa mattina è solo l’ultimo di una lunga serie. Solo per ricordare i casi più recenti, abbiamo infatti ancora negli occhi la tragedia di Leonardo Lamma. Il ragazzo di 19 anni sbalzato dalla sella della sua moto per colpa di un dosso mal riparato a Corso Francia. E dell’avvocato della mamma di Gaia von Freymann. Che ha perso la vita sul suo scooter a Prati. Ma gli esempi potrebbero continuare. Solo a Roma, nel 2021 gli incidenti mortali sono stati 84. E la maggior parte delle vittime sono pedoni, ciclisti e motociclisti.

Nei primi 30 giorni del 2022 invece, le vittime di sinistri sono state addirittura 15. Con un dato in costante ascesa, che si è riportato ai livelli del 2006. Il lockdown è finito, ma la manutenzione stradale e le infrastrutture non sono state adeguate. Se ci mettiamo anche la distrazione e l’imprudenza, capiamo perché siamo arrivati a questo punto. Una spirale alla quale le istituzioni hanno il dovere di dire basta.

Incidente mortale nella notte a Boccea, muore un 22 enne gravi i suoi amici

Per approfondire