Vergogna fiscale malgrado le promesse del governo: da domani gas e luce aumentano di oltre 300 euro

aumento bollette energia (2)

Malgrado le promesse del governo, per effetto dell’aumento delle tariffe la spesa annuale in bollette di luce e gas delle famiglie italiane tipo arriva a 1761 euro nel 2021 con un balzo di 300 euro. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti sui rincari delle bollette che scattano domani 1 ottobre sulla base degli aumenti decisi da Arera. L’aumento della spesa energetica dunque ha un doppio effetto negativo. Perché – sottolinea la Coldiretti – riduce il potere di acquisto dei cittadini e delle famiglie, ma aumenta anche i costi delle imprese. Agli aumenti in bolletta si aggiungono peraltro quelli dei prezzi dei carburanti, dalla benzina al gasolio – continua Coldiretti. Questi rischiano di scatenare una tempesta perfetta per le tasche degli italiani.

Gli aumenti si trasferiscono sulla catena del cibo

Perché in questo Paese l’85% delle merci viaggia su strada e i costi della logistica arrivano a incidere fino dal 30 al 35% su prodotti freschi per frutta e verdura. I rincari energetici si trasferiscono – sottolinea Coldiretti – sui costi di produzione nella catena del cibo come quello per gli imballaggi, dalla plastica per i vasetti dei fiori all’acciaio per i barattoli, dal vetro per i vasetti. Fino al legno per i pallet da trasporti e alla carta per le etichette dei prodotti che incidono su diverse filiere, dalle confezioni di latte, alle bottiglie per olio, succhi e passate, alle retine per gli agrumi ai barattoli smaltati per i legumi. Il risultato è che quando si acquista una passata al supermercato si paga più per la confezione che per il pomodoro contenuto.

Coldiretti: dal governo servono interventi strutturali

In questo contesto – afferma la Coldiretti – servono interventi strutturali per dotare il Paese di una riserva energetica sostenibile. Come? Puntando sulla filiera del biometano nel quale l’agricoltura italiana è all’avanguardia e che può contribuire al raggiungimento dell’obiettivo europeo del contenimento delle emissioni per salvare il clima. Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr) – conclude la Coldiretti – rappresenta in questo senso un’opportunità importantissima per il pieno sviluppo del potenziale offerto del settore del biometano agricolo. Con l’obiettivo di arrivare alla produzione del 10% di gas rinnovabili nella rete del gas nazionale.

L’ira dei consumatori: 338 euro di aumenti a famiglia

Furiosi i consumatori. Domani 1° ottobre scatteranno gli aumenti delle tariffe per luce e gas decisi da Arera. Con l’elettricità che segna un rincaro record del +29,9% e il gas che crescerà del +14,4%. Lo ricorda il Codacons, che stima in circa 340 euro la maggiorazione annuale cui dovrà fare fronte ogni singola famiglia. L’impatto degli aumenti tariffari che scatteranno domani infatti sarà pari a +183 euro per la luce, +155 euro per il gas, per un totale di 338 euro. “Aumenti record mai registrati prima in Italia, e che verranno attuati nonostante le misure di contenimento adottate dal Governo”, ribadisce.

Il governo intervenga subito sulle bollette

“La maggiore spesa che dovranno affrontare gli italiani per le forniture di energia. Unitamente all’escalation dei prezzi al dettaglio che si sta registrando nel nostro Paese, rischia di avere effetti pesanti sui consumi. Lancia l’allarme il presidente Carlo Rienzi. Le famiglie reagiranno infatti alla stangata riducendo gli acquisti e contenendo le spese, con conseguenze negative per la ripresa economica. Per tale motivo ribadiamo al richiesta al Governo di intervenire in modo strutturale sulle bollette, perché quanto fatto finora non basta a risolvere il problema del caro-energia”.

Per approfondire