Via La Spezia, sulla nuova viabilità FDI chiede chiarimenti in Campidoglio

Ancora polemiche sulla nuova viabilità attorno a San Giovanni. E precisamente tra via Taranto, via La Spezia e Largo Brindisi. Con tutto il quadrante che si sta trasformando in un girone infernale. Con file interminabili di auto, e cittadini bloccati per ore tra le lamiere delle proprie vetture. Tutto sarebbe dipeso dall’aver  trasformato via La Spezia a senso unico, per fare posto alla pista ciclabile. Che nessuno contesta, ma che secondo molti doveva essere realizzata in un altro modo. Sentendo prima i reali bisogni della cittadinanza. Così invece tutta la strada è diventata una sorta di ‘pista’ a senso unico, pericolosa anche per i pedoni. E intorno non ci si muove più. Chi viene dalla tangenziale e deve raggiungere i numeri pari di via Appia Nuova,  prima percorreva via La Spezia ed era arrivato. Ora invece bisogna scendere su viale Monza e raggiungere Piazza Re di Roma. E da lì risalire per via Cerveteri fino a via Magna Grecia. Difficile anche a dirsi, figuriamoci a farsi. Specie di mattina o nel pomeriggio. Quando la gente va a fare shopping o torna dal lavoro. E la trasferta si trasforma in un incubo.

https://www.romatoday.it/zone/sangiovanni/san-giovanni/traffico-san-giovanni-via-taranto-via-la-spezia-.html

Anche il Municipio contro via La Spezia a senso unico

E contro la nuova viabilità di zona e il senso unico a via La Spezia si è schierato anche il Municipio VII. Guidato da Monica Lozzi, ex grillina e adesso passata a REvoluzione, il movimento fondato da Gianluigi Paragone. “Questo progetto non ci piace. Abbiamo provato a far interloquire il Campidoglio con i cittadini, che hanno espresso tutta una serie di perplessità – ha spiegato la Lozzi. Ma il problema non è la ciclabile. Si è trasformata via La Spezia in un’autostrada a senso unico per le auto. E’ tutta dritta e quindi, quando la trovano libera, diventa anche pericoloso per chi la deve attraversare. Così – ha concluso la presidente del Municipio VII – non si tutelano gli utenti deboli e quindi noi non possiamo essere d’accordo con questo progetto”.

Figliomeni (FDI), la Raggi risponda in Campidoglio

E su tutta questa vicenda è arrivata anche l’interrogazione del vice presidente del Consiglio comunale ed esponente di Fratelli d’Italia Francesco Figliomeni. All’indomani delle proteste che hanno visto scendere in piazza cittadini e rappresentanti municipali con striscioni e megafoni. Ho voluto rappresentare “il timore dei residenti che largo Brindisi diventi uno spartitraffico- ha chiarito Figliomeni. Con le automobili che, percorrendo via Taranto e via La Spezia viaggiano a meno di due metri di distanza dalle abitazioni”. Insomma, doveva essere una svolta green per il quartiere. Ma per ora si registrano solo più traffico e inquinamento. Oltre alla rabbia di chi qui ci abita. E da qualche settimana non riesce più ad uscire di casa e arrivare in tempo alla scuola dei figli o al lavoro.

https://www.romatoday.it/zone/sangiovanni/san-giovanni/traffico-san-giovanni-via-taranto-via-la-spezia-.html

 

Per approfondire