Aggressione a Torpignattara: genitori picchiati da una banda di ragazzi, rintracciato 25enne

Aggressione Torpignattara

È stato rintracciato e denunciato uno dei ragazzi che il 1 luglio scorso, in serata, ha pestato di botte tre genitori di alcuni bambini, che stavano giocando a pallone in Largo Raffaele Pettazoni. Lì un gruppo di giovani stranieri, di nazionalità indiana, aveva deciso di scendere in strada e di divertirsi tirando i calci al pallone. Avevano formato una vera e propria squadra: chi all’attacco, chi in porta, chi in difesa. E tutto sembrava filare liscio. O almeno all’inizio. All’improvviso, infatti, altri ragazzini, italiani, sono intervenuti. E non certo per giocare con loro.

Roma. ‘Ridateci il pallone’, tre genitori picchiati con calci e pugni da una banda di ragazzi

Prima il pallone che ‘sparisce’, poi la richiesta dei genitori di riaverlo indietro. A quel punto, però, i tre sono stati aggrediti con calci e pugni: due di loro sono stati soccorsi e portati in ospedale al San Giovanni, uno al Vannini di Roma. Un’aggressione a sfondo razziale, che ha fatto discutere e che ha indignato tutti i residenti del quartiere. Da una parte il gruppo di italiani, che spavaldi hanno ‘rubato’ quel pallone e hanno risposto alle domande con violenza, dall’altra il gruppo di stranieri.

Rintracciato un 25enne

Ora un componente della banda è stato individuato e denunciato. Si tratta di un 25enne, che è stato rintracciato dai Carabinieri, e che ora dovrà rispondere di lesioni aggravate dell’odio razziale. Intanto, però, le indagini proseguono per cercare i suoi complici, probabilmente minorenni. Loro che in una serata come tante si sono scagliati contro il gruppo di stranieri a “suon” di botte e insulti.