Algerino irregolare rapina 5 giovani turisti a Castro Pretorio: fermato dai carabinieri

rapinatore algerino

I Carabinieri della Stazione Roma Macao hanno arrestato per rapina aggravata e resistenza a pubblico ufficiale un algerino di 23 anni, nella Capitale senza fissa dimora. Nelle prime ore di ieri i militari sono infatti intervenuti in via Marghera, zona Castro Pretorio, a seguito di una segnalazione arrivata al 112 da parte di un gruppo di 5 giovani messicani, tutti poco più che ventenni e a Roma per turismo, i quali avevano riferito che uno di loro era stato strattonato, spinto a terra e rapinato del telefono cellulare da uno sconosciuto armato di coltello. Arrivati sul posto, i Carabinieri hanno soccorso un amico del derubato, un ragazzo di 21 anni che era intervenuto per difendere il connazionale e che, secondo quanto riferito, era stato a sua volta ferito a una mano dal rapinatore con un coltello.

L’algerino indicato dalle sue vittime ai militari

Riconosciuto in strada dalle stesse vittime, che lo hanno indicato ai militari, è stato inseguito e bloccato nonostante la resistenza. In tasca aveva il telefono rubato, subito restituito al legittimo proprietario. Il giovane ferito, trasportato dai sanitari del 118 al Policlinico Umberto I, ne avrà per 15 giorni per una ferita da taglio alla mano sinistra con interessamento di un nervo. Il 23enne algerino, invece, è stato portato nel carcere di Regina Coeli, dove rimane a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

L’altra operazione dei carabinieri: preso uno spacciatore a Tor Bella Monaca

Nelle ultime 24 ore, i Carabinieri della Stazione Roma Tor Bella Monaca hanno eseguito una serie di controlli mirati a contrastare ogni forma di illegalità e degrado nel quartiere. Si comunica, nel rispetto dei diritti degli indagati (da ritenersi presunti innocenti in considerazione dell’attuale fase del procedimento – indagini preliminari – fino a un definitivo accertamento di colpevolezza con sentenza irrevocabile) e al fine di garantire il diritto di cronaca costituzionalmente garantito che, ieri mattina, i Carabinieri hanno arrestato un 47enne romano, già conosciuto dalle forze dell’ordine, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L’uomo è stato notato mentre si aggirava con fare sospetto in via dell’Archeologia ed è stato fermato per una verifica. I Carabinieri hanno rinvenuto in suo possesso 91 dosi di cocaina, per un peso complessivo di 50 grammi, subito sequestrate. L’arrestato è stato portato in caserma e trattenuto nelle camere di sicurezza, in attesa del rito direttissimo. Nel pomeriggio, gli stessi Carabinieri hanno effettuato controlli mirati alla verifica della normativa per la prevenzione dei contagi da Covid-19 in un bar del quartiere, sanzionando un avventore intento a consumare al bancone senza essere in possesso del Green Pass e il titolare dell’attività per non aver eseguito accertamenti circa il possesso della certificazione verde da parte dei clienti che accedevano al bar. Entrambi sono stati multati per 400 euro.

Per approfondire