Allagamento all’Acqua Acetosa. Era già successo un mese fa

Il danno è successo durante le prime ore di questa mattina. Una conduttura danneggiata, e la conseguente perdita di acqua che ha finito per determinare un allagamento completo  della strada. All’altezza di via dell’Acqua Acetosa Ostiense, che risulta ancora bloccata al traffico.

Lo svincolo è reso inagibile dall’ingente quantità d’acqua che ha continuato a fuoriuscire per diverse ore. Sul posto sono ancora presenti gli operatori Acea nel tentativo di sedare il danno e ripristinare la viabilità.

La chiamata alla Polizia Locale per l’intervento è avvenuta questa mattina, mercoledì 22 giugno, intorno alle 07.13. Il danneggiamento e la copiosa fuoriuscita d’acqua si sono verificati su via Acqua Acetosa Ostiense.

Ovviamente, la strada allagata è completamente inagibile, per questo c’è stata la chiusa. In particolare, chiusa la carreggiata allo svincolo di Via Acqua Acetosa Ostiense per gli automobilisti che arrivano dalla Pontina, con deviazione su Via di Decima.

Un guasto che sembrerebbe essere dovuto dalla rottura definitiva di una riparazione ad un tubo del sottopasso. Sul posto, già da qualche ora, è presente anche la squadra Acea per la chiusura dell’acqua e la necessaria riparazione della conduttura.

Al Trullo sottopasso allagato da tre giorni. Non c’entra il diluvio, è una conduttura non riparata

L’allargamento di un mese fa a via di Decima

Via di Acqua Acetosa Ostiense si era già allagata. Meno di un mese fa. Ed era stata chiusa al traffico tra via Pontina e la rotatoria di via di Decima. A causare la chiusura la rottura di un tubo dell’acqua proprio all’altezza del sottopasso. Esattamente come questa mattina. E anche allora, la rottura aveva creato un vero e proprio geyser. Tale da impedire il passaggio delle auto. Ora i tecnici dell’Acea stanno intervenendo di nuovo. E bisognerà capire se il cedimento riguardi un’altra parte del tubo. O la riparazione appena fatta. Il che sarebbe certamente molto più grave. Con tanti disagi e un secondo intervento che forse si potevano evitare.

Per approfondire