Burrascosa riunione di Fratelli d’Italia a Cassino: una consigliera finisce in ospedale

coronavirus ambulanza (2)

La riunione di Fratelli d’Italia di Cassino è finita all’ospedale Santa Scolastica, ma probabilmente continuerà nelle aule del tribunale. E non è servita a calmare gli animi neppure la presenza del coordinatore provinciale Massimo Ruspandini.

Ne dà notizia il sito di Alessio Porcu riferendo del clima incandescente finito con insulti, liti e malori. I fatti sono avvenuti all’Hotel Al Boschetto di Cassino. I protagonisti del fattaccio: Gabriele Picano, vicecoordinatore provinciale di FdI, la portavoce del circolo locale Angela Abbatecola e il marito Fabio Marino, ex consigliere comunale. Con loro Niki Dragonetti, con un ruolo nella segreteria di Mario Abbruzzese alla presidenza del consiglio regionale del Lazio durante la giunta Polverini.

Bevilacqua: Fratelli d’Italia a Cassino si è spaccata su di lei

Nel mirino Michelina Bevilacqua, aderente a Fratelli d’Italia da appena 4 mesi, ma già con tanti avversari nel partito a Cassino, in particolare, riferisce Alberto Simone per il blog di Porcu, ci sarebbe proprio la Abbatecola. Motivo della ostilità, la sua diserzione nella battaglia giudiziaria contro il sindaco Salera e il Pd. Non aveva firmato infatti la richiesta di dimissioni del sindaco, sostenendo che le priorità per Cassino erano altre. Tanto è bastato per chiedere un chiarimento all’interno di Fratelli d’Italia. Chiarimento davvero burrascoso, visto l’evolversi della discussione. La lite è stata sedata dagli inservienti dell’hotel, mentre la Bevilacqua ha avuto un malore e ha chiesto di venire portata in ospedale.  

Da parte sua, il senatore Ruspandini ha risposto con una frase che sembra uscita dal film Fight Club. “Quello che accade nella sezione non dovrebbe mai uscire dalla sezione”.

Per approfondire