Cinghiali, scooterista ferito a due passi da San Pietro

Sempre più fuori controllo l’emergenza cinghiali a Roma. Con centinaia di capi in libertà. Che specie nell’area nord della Capitale, ormai camminano senza paura per le strade. In branco, alla ricerca di cibo. Che spesso trovano vicino ai cassonetti strapieni di rifiuti. Un’emergenza sottovalutata, che fino a poco tempo fa faceva simpatia e colore. E che adesso invece è diventata una questione di sicurezza e di igiene pubblica. Con l’esplosione della peste suina, e la necessità di riportare questi animali selvatici nell’habitat a loro più congeniale. Che non può essere certo la città. Altrimenti, succede quanto accaduto nella notte tra giovedì e venerdì scorso. Quando a via Anastasio II, a due passi da San Pietro, uno scooterista si è improvvisamente trovato davanti un branco di ungulati. Due dei quali, un adulto è un cucciolo, lo hanno caricato. Facendolo cadere, per fortuna senza gravi conseguenze. Ma con qualche livido, e ovviamente tanta paura.

I cinghiali assediano le case a Roma Nord: Gualtieri e Zingaretti facciano qualcosa (video)

La dinamica dell’incidente e l’assalto dei cinghiali al centauro

Nel dettaglio l’incidente stradale è avvenuto intorno alle 23:30 del 19 maggio su via Anastasio II, all’altezza dell’incrocio con via Pietro de Cristofaro. Qui, secondo quanto ricostruito sino a questo momento dagli agenti del I gruppo Prati della polizia locale di Roma Capitale intervenuti all’Aurelio assieme alla polizia provinciale, il conducente di un Honda Silver Wing si è trovato la strada sbarrata da un branco di cinghiali che gli sono corsi contro. Poi l’investimento di due degli animali che facevano parte del branco.

Ferito, Alessandro Caizzi è stato trasportato dall’ambulanza del 118 in codice giallo all’ospedale San Carlo di Nancy, “un po’ acciaccato – racconta l’uomo – ma per fortuna senza gravi conseguenze”. Richiesto l’intervento alla Asl, i due cinghiali investititi sono stati presi in carico dal personale della Asl e portati all’istituto zoo profilatico, dove da quanto si apprende il cucciolo è poi morto.

Per approfondire