Colleferro, si barrica in casa e armato minaccia il suicidio: ‘Lasciatemi stare’

Incidente mortale a San Cesareo

Prima forse una lite con la compagna, poi la decisione di barricarsi in casa, in via Aprilia a Colleferro. E di minacciare il suicidio. Sono stati attimi di terrore quelli vissuti questa mattina, intorno alle 5, a Colleferro, dove un uomo ha dato in escandescenze. Ed è stato necessario l’intervento di un negoziatore dei Carabinieri del Nucleo Investigativo di Frascati, che per ore ha cercato di parlare con l’uomo, di calmarlo e tranquillizzarlo.

Omicidio suicidio a Nettuno: uccide la compagna e si spara, a scoprire i corpi il figlio

Nell’appartamento oltre a lui, anche la compagna e un’altra ragazza, che sono riuscite ad uscire di casa. Entrambe, in stato di alterazione, sono state soccorse dal personale sanitario del 118. L’uomo, invece, è rimasto lì, con i cani. E armato di coltello.

Si barrica in casa a Colleferro

Stando a una primissima ricostruzione l’uomo avrebbe prima discusso con la compagna. Poi si è chiuso in casa, con i suoi due cani, e armato di coltello ha minacciato di togliersi la vita. Nessuno doveva e poteva avvicinarsi. E via con i mobili e gli oggetti giù dalla finestra. Almeno fino a quando non è intervenuto un negoziatore dei Carabinieri, che ha dialogato con l’uomo. E ha cercato di placare quella furia.

Dopo circa quattro ore e mezza, l’uomo convinto dal negoziatore e dalla convivente, ha aperto la porta di casa: si è lasciato andare ad un pianto liberatorio ed è stato affidato alle cure del personale sanitario del 118, che lo ha trasferito in ospedale per gli accertamenti di natura psichiatrica. Tanto lo spavento: quei minuti di terrore si sarebbero potuti trasformare in tragedia. E ora l’epilogo sarebbe stato diverso.