“Con la riconversione degli ospedali aumenteranno le morti per cancro”

ospedali pertini

“La chiusura e l’accorpamento di alcuni reparti negli ospedali del Lazio per fare spazio ai malati Covid è una sconfitta per la sanità”. Lo afferma l’eurodeputata della Lega Luisa Regimenti, medico legale e responsabile Sanità per il partito nel Lazio. “L’emergenza è ormai al limite della sostenibilità. Per evitare le lunghe file di attesa delle ambulanze con pazienti Covid, il collasso dei pronto soccorso, sempre più affollati perfino di barelle da campo e i ricoveri massicci nelle terapie intensive si è arrivati ad accorpare interi reparti.

Come accaduto all’ospedale Vannini, dove sono stati chiusi chirurgia, traumatologia, ortopedia, ginecologia, cardiologia. Stessa situazione al Sandro Pertini, al N.O.C. di Ariccia, ai Castelli, al Sant’Eugenio. Così come al San Camillo, dove tra l’altro si registra il rischio di un allargamento dei contagi a causa della promiscuità tra pazienti Covid e non”.

La riconversione degli ospedali mette a rischio gli altri malati

“La riconversione degli ospedali – continua Regimenti – mette a rischio chi non è malato Covid e soffre invece di altre patologie, come quella oncologica. La Favo, Federazione italiana delle associazioni di volontariato in oncologia, evidenzia quanto poco sia stato fatto finora per garantire continuità di accesso alla diagnosi, ai trattamenti terapeutici e agli screening. Condizione che porterà a un consistente aumento dei morti per cancro nei prossimi anni. Un allarme lanciato anche nel corso del recente Cracking Cancer Forum 2020”.

La seconda ondata era prevista

Prosegue la Regimenti: “La seconda ondata della pandemia era prevista, ma è mancata la programmazione degli interventi. Non era difficile capire che le terapie intensive si sarebbero riempite di nuovo, ma nulla è stato fatto per creare nuove strutture, pianificare assunzioni di personale e distribuire i necessari strumenti sanitari e gli indispensabili dpi” conclude. “A tutti i pazienti affetti da tumore senza distinzione, anche in periodi di emergenza sia offerta la possibilità di cure di qualità”.

Gli ospedali si devono occupare anche del cancro

E per far questo è importante garantire la sostenibilità del Sistema sanitario nazionale, considerando i costi elevati dei nuovi trattamenti”. È questo il primo dei 10 punti del “Manifesto per un patto nazionale contro il cancro”. Sul manifesto c’è la firma di circa 600 tra oncologi, medici, scienziati, comunicatori e sarà inviato al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ai presidenti della Camera e del Senato, Roberto Fico ed Elisabetta Casellati, al presidente del Consiglio Giuseppe Conte, al ministro della Salute, Roberto Speranza.

Per approfondire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *