Corrotti presenta una legge regionale per il sostegno all’addestramento dei cani guida

Laura Corrotti, Lucha y Siesta

“Nel Lazio, sulla scorta dei dati Inps relativi al numero di ciechi in Italia registrati nel 2021 in riferimento alla popolazione residente in ogni regione, i non vedenti sono ben 9.690: per la loro assistenza risulta essenziale i cosiddetti cani guida il cui accesso sui mezzi pubblici e negli esercizi aperti al pubblico è già stato disciplinato. Da qui l’importanza degli accompagnatori a quattro zampe, essenziali, unitamente al bastone bianco, per superare le difficoltà che incontrano quotidianamente i soggetti non vedenti e migliorare la qualità della loro esistenza in termini di autonomia, indipendenza e mobilità”. Lo dichiara in una nota Laura Corrotti, consigliere regionale di Fratelli d’Italia.

La proposta di legge a sostegno di un’attività vitale

“Per questo – prosegue il consigliere di FdI – ho creduto necessario presentare una proposta di legge che va proprio in tale direzione, con l’obiettivo di sostenere il mondo dell’associazionismo che, a titolo gratuito, fornisce alle persone prive di vista i cani guida per assisterli nelle loro attività”.

“Una proposta – conclude Corrotti – che vede quindi dei contributi per una serie di interventi, come la realizzazione delle attività tese all’allevamento, alla crescita e all’addestramento dei cani e all’acquisto di beni e attrezzature strumentali alla stessa gestione”.

Chi ha diritto ai cani guida

La l.n. 37/74 prevede espressamente il diritto, per le persone non vedenti, di farsi accompagnare dal proprio cane guida su ogni mezzo di trasporto pubblico senza dover pagare per l’animale alcun biglietto o sovrattassa, nonchè in tutti i luoghi aperti al pubblico.
Per approfondire