Finto medico era il terrore delle farmacie: il video delle rapine

Finto medico, vero rapinatore. Un camice bianco troppo sporco per essere credibile: questo l’improbabile travestimento usato da un 52enne romano per tentare di rapinare una farmacia e una sanitaria. Il primo tentativo lo ha fatto in una farmacia alla Garbatella: il titolare, che per contingentare gli ingressi tiene la porta chiusa e fa entrare lui ogni singolo cliente, non ha aperto a quel ‘collega’ con il volto coperto da una mascherina chirurgica, da dei grossi occhiali da sole e da un cappello.

Dalla Garbatella a Tor Carbone: la caccia al finto medico

Inutile il tentativo dell’uomo di mostrare un coltello a serramanico. Dopo alcuni secondi il rapinatore si è allontanato e le sue descrizioni sono state immediatamente diramate alle pattuglie della Polizia. I primi poliziotti a rintracciare il sospetto sono stati quelli dell’autoradio del commissariato Tor Carbone che lo hanno fermato mentre usciva da un condominio. Le descrizioni, a parte il camice di cui si era evidentemente disfatto, coincidevano perfettamente ed in tasca aveva ancora il coltello a serramanico.

 

Un particolare ha tradito il finto medico

Le successive indagini, coordinate dal dirigente del commissariato Colombo, Isea Ambroselli, e attuate dagli uomini del suo ufficio e da quelli del Reparto Volanti, hanno permesso di accertare che, pochi istanti prima, il 52enne aveva tentato di rapinare una sanitaria a Tor Marancia; in questo caso, sempre ben travisato e con il camice sporco appoggiato su una spalla, aveva puntato il coltello verso il negoziante intimandogli di consegnargli i soldi.

Chi è l’autore delle rapine alle farmacie

Dopo alcuni istanti il rapinatore aveva desistito ed era fuggito senza nulla. I poliziotti, oltre al coltello, hanno sequestrato tutti gli abiti che indossava il 52enne e che erano stati ben immortalati dalle varie telecamere di sicurezza. L’uomo è stato condotto il giorno successivo dinanzi ai Giudici del Tribunale di Roma che hanno convalidato l’operato della Polizia.

 

 

Per approfondire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *