Ghanese 23 enne terrorizza i clienti di un hotel. Arrestato

Si era piazzato da giorni in prossimità di un hotel, a via Turati a due passi dalla stazione Termini. E terrorizzava i clienti della struttura. Con molestie di vario tipo, e richieste insistenti di denaro. Alle quali, in caso di rifiuto, seguivano minacce e improperi. Ma anche tentativo di aggressione. Tutto questo, era stato posto in essere da un 23 enne senza fissa dimora, originario del Ghana. Che addirittura, aveva predisposto in loco una sorta di tenda da campo. In attesa delle sue ‘vittime’. La situazione però, dopo poco si è fatta insopportabile. Anche per il titolare dell’albergo, un romano di 53 anni. Che alla fine, si è dedico a chiamare le Forze dell’ordine. Per mettere fine a quella situazione di illegalità e di pericolo. E per non rischiare di perdere tutta la sua clientela.

Come è possibile che le forze dell’ordine non riescano a bonificare la Stazione Termini e le zone viciniori?

Il ghanese senza fissa dimora arrestato dai Carabinieri a via Turati

Il titolare della struttura, un 57enne romano, ha dunque denunciato che il giovane si era accampato nei pressi dell’ingresso. Infastidendo i clienti e inveendo contro il personale di servizio che lo aveva invitato, più volte, ad allontanarsi.

Durante la mattinata, il 57enne titolare dell’albergo ha provato nuovamente a invitare il 23enne a spostarsi facendogli capire che non poteva stazionare a ridosso dell’ingresso dell’hotel. Ma questa volta, il giovane lo ha minacciato e ha preteso insistentemente il pagamento di una somma in denaro per lasciare l’area.

All’arrivo dei Carabinieri, l’uomo non si è fermato. Ma anzi ha addirittura opposto resistenza nel corso delle operazioni di identificazione e controllo, durante le quali è stato immediatamente bloccato. L’arresto è stato convalidato e il Tribunale ha disposto per il 23enne la custodia cautelare in carcere. Dovrà verosimilmente rispondere di minacce, turbativa alla quiete pubblica, tentativo di estorsione e resistenza a pubblico ufficiale.

Per approfondire