I tram a Roma andranno a 5 km/h. Si fa prima a piedi

Il messaggero.it ha dato notizia di una recente circolare diramata dall’Atac. L’azienda del Campidoglio che si occupa del trasporto pubblico locale. Notizia ripresa tra gli altri anche dal sito odisseaquotidiana. Il documento prende le mosse dalla situazione oggettiva della rete tranviaria di Roma, che necessiterebbe di un’urgente manutenzione. Sia per quanto riguarda lo stato dei binari, che dei plantografi e dei carrelli dei treni. Con un programma di interventi che dovrebbe partire nei prossimi mesi. Ma intanto, sempre per Atac si renderebbe necessario limitare la velocità dei convogli. Per evitare possibili deragliamenti. Tutto questo in almeno cinque linee della Capitale, che già oggi uniscono quartieri popolosi della città. Come Trastevere e il Centro storico, via Prenestina, Porta Maggiore e la Stazione Termini. Ma la cosa che più lascia perplessi, è la velocità – si fa per dire – prevista per i tram. Con due nuovi limiti, 10 chilometri orari su alcune tratte. E addirittura a passo d’uomo su altre. Che in parole povere, significa viaggiare a 5 chilometri all’ora. Altro che ‘attaccarsi al tram’, a questo punto si fa molto prima ad andare a piedi. E la mente va subito ad altri limiti fortemente contestati. Come quello di 30 chilometri orari per le auto sulla Colombo. Anche qui, a causa del manto stradale dissestato dalle radici degli alberi. Ma la soluzione dovrebbe essere quella di intervenire e di garantire una mobilità pubblica e privata adeguata. Non di mandare tutti in giro come lumache.

https://www.odisseaquotidiana.com/2021/02/tram-5-kmh.html?m=1

Tram lumaca, ecco le linee coinvolte

Ed ecco le linee tranviarie che sono già  coinvolte dai nuovi provvedimenti del Comune e dell’Atac. Che limitano la velocità dei treni, per evitare incidenti e malfunzionamenti. Vista l’eccessiva età di binari e materiale rotabile, e la carenza di manutenzione. Iniziamo dalla linea 5, tra Centocelle e Termini. Dove in ben 12 tratti, l’originario limite di 30 Km/h è stato ridotto. Con velocità minima su scambi, incroci e lungo l’anello attorno a Porta Maggiore. Ma anche sull’8 non va meglio. Con il fatidico limite di 10 chilometri orari all’altezza della Circonvallazione Gianicolense. Nel tratto compreso tra la fermata Belli e Largo Arenula. Ancora, limiti anche lungo i binari della linea 14. Che attraversa la Palmiro Togliatti. Dove si viaggia a 25 Km/h tra la fermata di via Farini e Piazza Vittorio Emanuele II. Mentre si rallenta a 10 arrivati all’altezza di Porta Maggiore. Infine ritmo da ‘lumaca’ anche per il 19, che attraversa Villa Borghese. A passo d’uomo lungo via Filippo Aldovrandi, e a 10 Km/h fino a via Gioacchino Rossini. Le nuove disposizioni saranno operative fino a nuovo ordine, e saranno anche effettuati controlli a campione. Per evitare –  incredibile ma vero –  che i conducenti si facciano prendere la mano.

https://www.ilmessaggero.it/roma/news/roma_tram_lumaca_atac_circolare_rischio_deragliamento-5771222.html

Intanto il 2 rimane un linea fantasma

E se in molte tratte tranviarie si va pianissimo, in alcune il treno non passa proprio. E’ il caso della linea 2, che dal quartiere Flaminio arriva alle porte di Piazza del Popolo. Qui già la scorsa estete si registrò un deragliamento, e allora dopo l’inchiesta la colpa venne data ad un errore umano. Ma dall’autunno i vagoni sono spariti, sostituiti da navette stracolme su gomma. Motivo, l’effettuazione di urgenti lavori di manutenzione. Che però a distanza di mesi non sarebbero ancora partiti. Insomma, altro che cura del ferro e rivoluzione green. A Roma almeno per ora la mobilità sostenibile sembra essere rimasta solo sulla carta.

Il tram 2 resta al ‘palo’. E le navette scoppiano

Per approfondire