Immigrato africano crea il panico a Stazione Tiburtina: ferito un poliziotto

immigrato africano

Un immigrato africano di trentotto anni è stato arrestato dalla Polizia Ferroviaria all’interno della Stazione di Roma Tiburtina per il reato di resistenza e lesioni a Pubblico Ufficiale. Il cittadino ghanese è entrato in stazione in evidente stato d’agitazione e, fermato dagli agenti presso i varchi d’accesso dello scalo ferroviario, ha iniziato subito ad inveire in una escalation di violenza tanto da strapparsi la maglia di dosso e sputare contro gli operatori Polfer nel tentativo poi di sottrarsi al controllo. il tutto sotto lo sguardo attonito dei numerosi viaggiatori.

L’immigrato africano ha rotto una vetrata della Polfer

Condotto presso gli uffici di polizia ha mantenuto lo stesso atteggiamento aggressivo colpendo le vetrate dell’ufficio e ferendo un agente con un calcio, procurandogli lesioni per trenta giorni di prognosi. Arrestato, sarà giudicato con rito direttissimo.

Un altro immigrato africano si è reso protagonista di un altro fatto di cronaca nera- Gli agenti del commissariato Villa Glori, diretto da Anna Galdieri, hanno arrestato S. M. cittadino senegalese di 28 anni per spaccio di sostanze stupefacenti. I poliziotti dopo aver scoperto uno strano via vai di persone nelle adiacenze di Piazza Re di Roma, hanno focalizzato la loro attenzione su un giovane, notando come lo stesso rientrasse presso la propria abitazione con fare circospetto quasi come se temesse di essere seguito.

Il pusher senegalese deteneva droga e orologi d’oro

Fermato dagli agenti all’interno dell’androne condominiale, alla richiesta delle proprie generalità, il ragazzo visibilmente alterato, ha provato a lanciarsi dalla finestra posta su una corte esterna ma è stato prontamente bloccato. La perquisizione domiciliare ha permesso di rinvenire 5470 grammi di marijuana, 91 grammi di cocaina, 108 grammi di eroina, 1 grammo di cocaina nera e 970 euro in contanti, un orologio Rolex, un orologio Patek Philippe Geneve, 2 bilancini di precisione e 7 cellulari.

Per approfondire