L’Onda organizza una fiaccolata contro la violenza sulle donne: “Guidonia non tacere”

nigeriano in manette

La violenza contro le donne è una piaga sociale. In occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne, l’associazione culturale L’Onda ha organizzato per giovedì 25 novembre una fiaccolata intitolata “Guidonia, non tacere”. Alle ore 18,30 la partenza è in programma dalla Stazione di Piazza Francesco Baracca e l’arrivo in piazza Matteotti al Comune di Guidonia Montecelio.

Come spiega Eleonora Ceravolo, pedagogista clinico, medico dell’associazione L’Onda, tra le promotrici dell’iniziativa la violenza contro le donne si declina in vari modi: dalle minacce allo stalking, ai ricatti e ai soprusi verbali e mentali. 

“Purtroppo – ha denunciato la dottoressa Ciaravolo in un video di presentazione della fiaccolata – noi donne non abbiamo mai ragione. Non abbiamo ragione quando la gente parla per strada di stupri. Io vi dico: siate libere, perché la libertà è un diritto fondamentale. Questo è un messaggio che rivolgo alle giovani donne. Se vi dicono mettiti quel vestito o quella gonna per uscire solo con me, questi sono i primi sentori. Quindi state attente.

L’iniziativa de L’Onda a Guidonia Montecelio

“Ogni 15 minuti una donna viene stuprata e ogni tre giorni viene uccisa. Purtroppo nell’80 per cento dei casi, il carnefice non ha bisogno di bussare alla porta perché ha le chiavi di casa”. 

“Siamo qui come rappresentanza femminile dell’associazione L’Onda per aiutare le donne, ma anche gli uomini che si rendono conto di avere un problema. La componente maschile di questa associazione è stata molto attiva. Da sole non ce l’avremmo fatta. Invitiamo quindi – ha concluso Eleonora Ceravolo – tutte le associazioni del territorio a partecipare alla fiaccolata di giovedì”

Chi è Eleonora Ceravolo

Pedagogista Clinico Anpec dal 2007 ad oggi, Elenora Ceravolo è docente di Filosofia, Pedagogia e Psicologia presso diversi Istituti scolastici privati e si occupa anche di integrazione nelle scuole per quanto riguarda i bambini con disabilità. Svolge la sua attività in libera professione presso tre studi privati a Guidonia Montecelio e a Tivoli.

Per approfondire