Ostia, armato di coltello sale sul taxi e minaccia l’autista: arrestato 27enne

Rapina tassista a Ostia

Era nel suo taxi, stava lavorando, quando improvvisamente quello che inizialmente sembrava un cliente come tanti si è trasformato in un violento aggressore. Con tanto di coltello a lama seghettata ha minacciato il tassista: doveva consegnargli tutto il denaro, solo così sarebbe stato libero di andare via. Questo è quello che è successo il 27 febbraio scorso nei pressi della Stazione Lido Centro di Ostia. E ora i Carabinieri sono riusciti a rintracciare il malvivente e ad arrestarlo: si tratta di un 27enne italiano, con precedenti.

Roma, travestito da clown rapina un taxi con la compagna: due arresti

Le minacce col coltello, poi la tentata rapina a Ostia

Le indagini dei Carabinieri sono partite dopo la denuncia del tassista, che ha raccontato nei minimi dettagli quella serata. La pioggia fuori, lui che porta a destinazione un ‘cliente’. O almeno, così pensava.

Dietro di lui, seduto nella parte posteriore dell’auto, si ‘nascondeva’ il ladro che, nei pressi della stazione Lido Centro di Ostia, ha pensato bene di minacciare l’uomo. Con tanto di cappuccio della felpa calzato e armato di un coltello a lama seghettata.

Il conducente è riuscito immediatamente a spegnere il veicolo, a divincolarsi e a uscire dal mezzo, trovando riparo nella hall di un albergo vicino. L’aggressore, invece, ha cercato di scappare con l’auto, poi ha deciso di darsi alla fuga a piedi, facendo perdere le tracce. Pensava, quindi, di averla fatta franca, ma si sbagliava: è stato rintracciato. E ora arrestato.

Rintracciato e arrestato il rapinatore

Il tassista ha contattato i Carabinieri di Ostia, ha denunciato il fatto e ha consegnato ai militari i filmati della webcam dell’auto, che avevano ripreso l’intera scena. Immagini fondamentali, che hanno permesso di risalire all’uomo. Che è stato identificato anche grazie ai segni particolari, come i tatuaggi in bella vista. Il 27enne è stato così trovato ancora con quel coltello, l’arma che aveva usato per minacciare il tassista.

Per lui, ora, si sono aperte le porte del carcere di Roma Regina Coeli. Dovrà rispondere di tentata rapina.