Prova annullata per centinaia di candidati al concorsone del comune. E scatta la rabbia dei partecipanti

È stata momentaneamente annullata la prova prevista per i partecipanti al concorsone del Comune di Roma per la selezione di nuovi profili di Funzionario amministrativo. Si trattava dell’ultimo step, una serie di 60 risposte multiple da compilare e consegnare in 60 minuti. Ma purtroppo è stato scoperto un errore tecnico. Ovvero, due domande identiche. Cosa che evidentemente non doveva e non poteva capitare. Così l’intera selezione è stata rinviata. Peccato che intanto i partecipanti avessero affrontato le spese di viaggio e alloggio. E anche quelle per il tampone, che vale solo per 48 ore. Normale che sul web sia esplosa la rabbia di molti. Con la conseguente dimanda, ma adesso a noi chi ci rimborsa? Probabilmente, nessuno.

Santori (Lega): basta con concorsopoli, ora anche in Campidoglio

Sulla prova annullata dal Campidoglio lo spettro dei ricorsi

Dovranno attendere ancora gli aspiranti funzionari del Comune di Roma, quelli con i cognomi da De Lucia a Ezmeri: prova interrotta e annullata “per problemi tecnici”. “Il motivo è che sono state riscontrate due risposte identiche ad una domanda” – racconta chi era tra i banchi della Fiera di Roma e dovrà tornarci.

Sulle caselle mail dei candidati ancora nessuna comunicazione circa il recupero della sessione, così tutti si interrogano su quali saranno i tempi previsti per sostenere nuovamente il test.

Intanto sui gruppi social dei concorsisti monta la protesta. Si perchè tra le centinaia di candidati che questa mattina hanno raggiunto la Fiera di Roma per la prova del concorso al Comune sono tantissimi coloro che arrivano da fuori città: che hanno speso soldi per treni, aerei, viaggi in automobile e alloggio. E’ rivolta anche per chi ha effettuato il tampone a pagamento e che probabilmente dovrà rifare essendo valido solo quello fatto entro le 48 ore dalla prova.

“Assurdo quello che è successo questa mattina” – commentano i concorsisti. Sono un fiume di rabbia in piena: “Tra di noi c’è chi ha speso centinaia di euro per arrivare a Roma, dormire in città per poter raggiungere la sede della prova” – dice una ragazza arrivata da Bologna. “Chi ci rimborsa i soldi dei tamponi?” – si chiedono in molti. Probabilmente nessuno. L’appuntamento per i concorsisti rimandati a casa questa mattina è solo posticipato. Ma sul concorso al Comune di Roma si abbatte ora lo spettro dei ricorsi.
https://www.romatoday.it/politica/concorso-comune-roma-prova-annullata-oggi-25-giugno.html

 

Per approfondire