Roma come Chicago: raffica di rapine da parte di immigrati

roma allarme prostituzione

Roma come Chicago. Immigrati rapinano in pieno giorno e in pieno centro, certi dell’impunità. Ha avvicinato la vittima, un uomo di 36 anni, in via Trionfale, lo ha afferrato con la forza per un braccio e, sotto la minaccia di un coltello da cucina, lo ha portato in un palazzo di via Caverini. Dopo aver aperto il portone dell’edificio, lo ha spinto all’interno dell’androne e gli ha rubato 200 euro che aveva in un borsello. Un romeno di 31 anni è finito in carcere per rapina aggravata.

Romeno tenta una rapina a via Trionfale a Roma

Prima di darsi alla fuga verso i piani superiori, il 31enne ha colpito alla tempia e alla mascella la vittima con il manico del coltello, poi si è rifugiato all’interno di un appartamento al quinto piano. La vittima ha dato l’allarme alla polizia e sul posto sono intervenuti gli agenti del commissariato Prati, diretto da Filiberto Mastrapasqua, in collaborazione con un’altra pattuglia del commissariato Monte Mario. I poliziotti sono saliti nell’appartamento dove hanno trovato il sospettato in compagnia di una donna.

Identificato dalla vittima, è in cella

Il romeno, che corrispondeva perfettamente alla descrizione fornita dalla vittima, quando ha visto gli agenti, ha iniziato ad innervosirsi tentando di ostacolare il loro ingresso all’interno dell’abitazione. Durante la perquisizione i poliziotti hanno ritrovato sia i 200 euro corrispondenti esattamente al numero di banconote sottratte poco prima al 36enne, che il coltello utilizzato per la rapina. Accompagnato negli uffici di polizia, l’uomo dovrà rispondere di rapina aggravata .

Nordafricani aggrediscono poliziotti a Centocelle

Tre nordafricani hanno raccolto a terra due bottiglie di birra e si sono scagliati contro gli agenti della sezione volanti, diretta da Giuseppe Sangiovanni, intervenuti in piazza delle Camelie, a Centocelle. C’era stata la segnalazione di alcune persone in strada che avevano sentito le urla di una donna vittima di un tentato furto. “Hanno tentato di aprire la mia macchina”, ha raccontato la donna ai poliziotti indicando la loro direzione di fuga. Subito individuati, i tre però hanno opposto resistenza.

I tre arrestati per diversi reati

In particolare con delle bottiglie di birrache erano a terra, le hanno utilizzate contro gli agenti, ma sono stati disarmati e bloccati. E’ stato allora il terzo uomo, un 46enne, ha colpito i poliziotti con dei pugni tentando di liberare i suoi amici. Ma anche lui è stato fermato. Durante il trasporto dei tre, negli uffici di polizia, per i successivi accertamenti, il 44enne è stato trovato in possesso di quattro grimaldelli e ha colpito più volte il vetro posteriore sinistro dell’autovettura con calci e testate. Al termine delle operazioni, i tre stranieri, sono stati arrestati per tentato furto aggravato, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale.

Gambiani  rapinano pakistano  in centro a Roma

Infine, i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Piazza Dante hanno arrestato due cittadini del Gambia, di 23 e 25 anni. Entrambi senza fissa dimora e con precedenti, con l’accusa di tentata rapina aggravata in concorso. Dopo aver visto un uomo, 33enne del Pakistan, che percorreva a piedi via Filippo Turati, i due si sono avvicinati e lo hanno bloccato.

Lo hanno spinto contro il muro, tentando poi di derubarlo dil portafoglio e smartphone. I Carabinieri che transitavano lungo la via li hanno sorpresi. I Carabinieri hanno bloccato i rapinatori e soccorso la vittima. Gli arrestati sono finiti in caserma e trattenuti nelle camere di sicurezza, in attesa del rito direttissimo.

Per approfondire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *