Salvini salta il giuramento di Mattarella perché positivo al Covid: “Orgoglioso di averlo fatto rieleggere”

Salvini positivo Covid

Il leader della Lega Matteo Salvini è positivo al Covid-19 e non prenderà parte quindi alla cerimonia a Montecitorio per il giuramento del presidente della Repubblica Sergio Mattarella. “Amici sono in buona compagnia – scrive Salvini su Facebook -: ai 10 milioni di Italiani positivi e poi guariti, da oggi mi aggiungo io! Giornata di lavoro come tante altre, tampone di controllo come tanti altri, nessun sintomo di nessun genere, ma risultato positivo. Proprio nel giorno del panettone di San Biagio! A casa al volo qui a Roma, armato di computer, telefono e pazienza”.

L’orgoglio di Salvini: “Felice di aver dato il mio contributo per il Mattarella bis”

“Applausi convinti e condivisibili da parte di tutto il Parlamento al bellissimo discorso del rieletto presidente Mattarella. Anche io, seppur bloccato in casa, ho applaudito convinto, il discorso in generale ed alcuni passaggi (come quelli sulla necessità di una profonda riforma della giustizia) in particolare. Bene, visto che per giorni politici e giornalisti mi hanno criticato e attaccato per il lavoro svolto nella settimana appena trascorsa, oggi posso dire di essere orgoglioso e felice di aver offerto il mio contributo, al pari di altri, per la riconferma del Presidente Mattarella”. Lo dice il leader della Lega Matteo Salvini.

Salvini positivo al Covid, due giorni fa è toccato a Rampelli

Due giorni fa aveva comunicato la sua positività al Covid anche il vicepresidente della Camera, Fabio Rampelli.  “I sette giorni trascorsi a Montecitorio per eleggere il Presidente della Repubblica mi sono stati probabilmente fatali. La concentrazione di un numero enorme di persone, nonostante tutti gli accorgimenti puntualmente presi dalla Camera, deve avermi messo in contatto con qualche positivo inconsapevole e così… Confido nella protezione del vaccino e sono in isolamento volontario con qualche sintomo, nella speranza di non contagiare le persone che mi sono vicine e mi sopportano. Ci rivediamo presto. Intanto scrivo e dichiaro, quello posso farlo, quindi non avrete scampo”. Così su Facebook l’esponente di Fratelli d’Italia.

Focolaio tra i grandi elettori: almeno 13 positivi

Dopo quasi mille tamponi effettuati (di cui 600 per lo screening alla Camera e oltre 300 a Palazzo Madama), tra i grandi elettori sarebbero spuntati 13 nuovi positivi. Che sono andati ad aggiungersi alla dozzina già registrata nei giorni passati. Una misura, quella dei tamponi anti Covid, obbligatoria per garantire la sicurezza e la presenza in parlamento. E così, stante le nuove disposizioni che coinvolgono anche l’universo politico, di norma esentati dall’indossare un badge di riconoscimento, ora parlamentari e delegati regionali ne devono indossare uno anche loro.

Per approfondire