Storace: “Conte deve rispondere a queste semplici domande…” (video)

storace su conte (

Francesco Storace, direttore del Secolo d’Italia, vuole chiarezza. Chiarezza sulla notizia dell’agente di scorta di Giuseppe Conte colpito dal Covid-19. Nessun giornalista ha più potuto avvicinare il presidente del COnsiglio. Tanto è vero che GiuseppeConte l’ultimo decreto lo ha raccontato in diretta su Facebook.  Chi vuole evitare una doverosa quarantena al premier? – si chiede Francesco Storace su 7Colli.it, il sito che per primo ha dato la notizia. Ma Palazzo Chigi dice che il premier sarebbe stato sottoposto a uno o due tamponi con esito negativo.

Storace fa quattro domande facili facili a Conte

Francesco Storace pone allora quattro domande a Palazzo Chigi attraverso un video. Storace vorrebbe sapere quanti giorni sono trascorsi tra l’esito positivo del test al tampone del poliziotto di Conte e il ricovero a Tor Vergata? E’ vero che in questi giorni aveva continuato a lavorare? E poi: è vero che altri due uomini della scorta di Conte sono stati posti in quarantena perché operavano con il loro collega risultato positivo? Terza domanda: sono stati accertati i contatti avuti dal poliziotto tra Viminale e Palazzo Chigi? Qui le scorte depositano e ricevono l’equipaggiamento di servizio dal capoturno alla fine e all’inizio del servizio. Quanta gente si è intrattenuta con G.G.? Chi può avergli stretto la mano? Chi ci può aver fatto una chiacchierata magari per un quarto d’ora a tu per tu?

Storace: Conte non metterà la museruola ai giornalisti

Ultima domanda: Storace riferisce che Palazzo Chigi giura che il poliziotto viaggiava su un’altra auto e comunque “sono sempre state rispettate le distanze sociali di sicurezza e tutte le precauzioni”. Balla gigantesca: gli uomini di scorta, quando il loro protetto scende dall’auto, gli si mettono immediatamente vicino, altro che metro di distanza, e ovviamente a maggior ragione se la vigilanza riguarda il presidente del Consiglio. Negativo che sia al tampone – se è vero – Conte deve fare la quarantena in casa. “Il presidente Conte – conclude Storace –  si deve abituare alla trasparenza. Al massimo può imporre la mascherina ai cittadini  – magari facendogliela trovare – ma non la museruola ai giornalisti”.

VIDEO TRASPARENZA IN 60 SECONDI – Stamane il sito 7Colli ha ospitato alcune mie domande al premier sull’agente della sua scorta positivo al coronavirus.Qualunque altro cittadino italiano, anche se negativo al tampone, sarebbe in quarantena.Come la Merkel in Germania, ad esempio.Gli riproponiamo tre domande, in attesa di una risposta o che ne se occupi qualche giornalista o qualche parlamentare di un paese che sembra aver timore a rivolgere quesiti al presidente del Consigliohttps://www.7colli.it/il-giallo-della-scorta-conte-deve-andare-in-quarantena-4890/

Pubblicato da francesco storace su Lunedì 23 marzo 2020

 

Per approfondire

Comments are closed.

Commenti

  • PierMarioRossi scrive:

    Trovo molto interessante l’articolo. Grazie