Tolto il camice a 15 medici e 186 infermieri romani: sono no vax, vanno sospesi

medici no vax (1)

Pugno duro anche nella Regione Lazio contro i medici e gli infermieri no vax. Chi non è in regola con la vaccinazione anti Covid viene sospeso senza se e senza ma.

«Nella regione si contano poche decine di sanitari sospesi», ha detto l’assessore regionale alla Sanità, Alessio D’Amato. Dati confermati anche dal presidente dell’Ordine dei medici di Roma e provincia, Antonio Magi. «Nonostante i solleciti ricevuti dalle Asl sono in totale 15 i medici di Roma e provincia che non si sono voluti vaccinare contro il Covid. Nei loro confronti abbiamo attivato tutte le procedure disciplinari. Tra queste la sospensione. Un risultato di cui siamo davvero soddisfatti perché è una percentuale molto bassa, considerando che in tutto i medici delle Capitale e dintorni sono 46mila».

Contro i medici no vax la più dura delle sanzioni

In totale le procedure avviate finora dall’ordine sono state 26, ma una decina di camici bianchi ha dimostrato l’avvenuta somministrazione del siero anti Covid o la prenotazione. Più elevati i numeri nelle altre professioni sanitarie: ma chi ha deciso di non vaccinarsi rimane comunque una netta minoranza. Tra gli infermieri ad esempio, secondo gli ultimi dati dell’Opi Roma (Ordine professioni infermieristiche) le sospensioni attive per inosservanza dell’obbligo vaccinale sono 186, su un totale di oltre 35.700 iscritti.

Letti in raffronto con dati italiani, diffusi qualche giorno fa, che parlano di quasi 1.400 medici e odontoiatri allontanati dalla professione perché no vax, i numeri laziali risultano comunque più bassi.  “Sono ad oggi 1.349 i medici e gli odontoiatri sospesi” in Italia “per non essersi ancora vaccinati” contro Covid-19. “Dall’inizio le sospensioni sono state 1.791, ma 442 sanitari hanno comunicato di essersi vaccinati e le loro sospensioni sono state così revocate”. Lo ha comunicato nei giorni scorsi  la Fnomceo, Federazione nazionale Ordini dei medici, nell’ultimo aggiornamento sui dati in suo possesso e che finora ha ricevuto dati da “66 Ordini su 106”.

Per approfondire