Truffa informatica, non aprite quel link. La mail dell’Agenzia delle Entrate è un fake

Non aprite quel link. La mail dell’Agenzia delle Entrate, che invita ad aprire un link per scaricare l’avvento pagamento di una tassa governativa, è un fake. Molto pericoloso, tra l’altro. Si tratta di un caso di ‘pishing’, una vera e propria truffa informatica. Attraverso la quale in realtà, i malintenzionati si introducono nel nostro pc o smartphone, e riescono a catturarne tutti i dati. Compresi quelli più sensibili, come ad esempio codici di blocco e password per carte di credito e home banking. L’avviso arriva direttamente dalla Polizoa postale, che ha scoperto la truffa. E la stessa Agenzia, ha chiarito di non aver inviato nessuna comunicazione agli utenti. Raccomandando di non aprire nulla, e di non cliccare sulla mail e sugli allegati. È vero, ormai alle truffe in rete siamo abituati. E co sappiamo difendere. Ma in questo caso, gli hacker sono stati molto bravi. E il risultato grafico simile al l’originale, può trarre in inganno. Specie in un periodo come questo, di scadenze e di pagamenti. Inoltre, anche la mail fake è stata costruita in modo da sembrare autentica. Con la parte finale dove compare la scritta gov.it, classica dei veri documenti che arrivano da finti governative. Occhio allora, e massima attenzione. Se arriva questo spam, non apriamo nulla. Ed eliminiamo subito la posta indesiderata.

Arrestato a Colleferro pirata informatico. Truffava la gente sul web

La truffa informatica fatta da professionisti del ‘pishing’

Il phishing truffa informatica avviene mediante l’invio di messaggi di posta aventi come mittente ricevuta_pagaonline@agenziariscossione.gov.it, falsamente riconducibili all’ente di riscossione. Nelle e-mail si comunicano informazioni in merito a una ricevuta di pagamento e il numero della relativa transazione. Con l’invito a visualizzare la documentazione cliccando su un link oppure accedendo a un file allegato.

L’Agenzia delle entrate-Riscossione è assolutamente estranea all’invio di questi messaggi  e raccomanda ai destinatari di non tenerne conto, di non cliccare sui link presenti, di non aprire gli allegati e di eliminarli immediatamente.

Per approfondire