Vergogna capitale, ancora al buio nelle case popolari di Tor Bella Monaca

Una vera vergogna. Perché la gente che vive nelle case popolari gestite da Roma Capitale largo Brandizzi, nel quartiere di Tor Bella Monaca, sono ancora al buio. Dopo che un corto circuito ha fatto saltare giorni addietro l’impianto elettrico di tutta la torre. Un problema grave, vista la presenza di tanti anziani e persone con disabilità. Ma delle riparazioni necessarie, finora non si è vista traccia. Tanto che i condomini più volenterosi, hanno proceduto a riallacciare artigianalmente i fili della corrente. Con tutti i rischi che si possono immaginare. Tanta la delusione, espressa in una nota dal presidente del comitato di quartiere Tor Bella Monaca rinasce. Anche perché da queste parti, il Pd al governo della città aveva fatto molta campagna elettorale. Promettendo quegli interventi che invece non si sono mai visti.

Incendio a Tor Bella, notte di fuoco e di paura

La Torre al buio vergogna inaccettabile

Sì, sembra una storia assurda ma è realtà. Ed è quello che succede nelle case popolari di Tor Bella Monaca gestite dal Comune di Roma . Che  – ricordiamo, da ottobre dello scorso anno è amministrato dal centrosinistra. “Ormai faccio fatica anche a classificarci cittadini di serie b, semplicemente noi che abitiamo qui in periferia, non esistiamo. Tutti, indistintamente si ricordano di noi solo in campagna elettorale” ha commentato alla stampa Massimo Musumeci, presidente del comitato di quartiere ‘Tor Bella Monaca Rinasce’. Che da anni denuncia lo stato di abbandono in cui versano le case popolari di largo Brandizzi.

“L’altro giorno è tornato un tecnico del Comune, sembra che il preventivo per ripristinare l’impianto sia stato accettato ma perché qua nessuno interviene?” ha aggiunto Musumeci. Gli inquilini del civico 5 della torre di largo Brandizzi hanno imbracciato scope, palette e vernice e hanno ripulito le aree comuni e ritinteggiato le pareti. Luigi, un altro inquilino, abita in questa palazzina popolare vicino a via dell’Archeologia dal 1983. Quando gli si chiede cosa è stato fatto negli ultimi quarant’anni la risposta è secca: “Poco e niente”. E, nonostante si avvicendino colori politici al governo della città, le torri di largo Brandizzi continuano a essere dimenticate. “Siamo persone, non siamo animali” ha concluso Musumeci.

 

Per approfondire