Vergogna Verano. “Da aprile mio papà attende, ma Ama ha già preso 5mila euro”

scandalo verano

Riceviamo e pubblichiamo lo sfogo di una nostra lettrice sulle condizioni pietose del cimitero Verano.

Ci lamentiamo del Covid, delle disorganizzazioni degli uffici ma si parla veramente poco di quello che accade nei cimiteri e soprattutto al Verano che dovrebbe essere il primo cimitero di Roma della Capitale d’Italia.

La lettera di Alessandra Macchi a 7Colli

Mio padre è deceduto il 30/04 e dal 3 maggio celebrati i funerali, lo abbiamo portato al cimitero Verano. So già come avevo detto anche all’agenzia che ha curato il funerale che si doveva verificare la situazione del loculo, ma mai e poi mai avrei pensato che iniziasse il calvario!

Mi sono trovata con il pagamento di una tassa di rinnovo trentennale del loculo, di tasse per fare il ristringimento delle salme dentro il loculo (mia nonna e mia zia) di circa 5000,00€ senza possibilità di rateizzare e senza possibilità di ritardarla perché mi è stato detto che se non fosse stata pagata subito mio padre sarebbe stato sepolto a terra e non nel loculo come erano state le sue volontà. (Sono una partita IVA quindi le difficoltà non sono state poche)
Sono riuscita comunque a pagare tutto e finalmente riesco a pagare tutto a fine maggio.
Aspetto aspetto aspetto ma nessuno mi fa sapere nulla. La scusa è sempre la stessa “Con il Covid lavorano tutti in smart working, quindi si deve aspettare”.
Richiamo esasperata lo scorso 25 giugno, mando una email di sollecito e finalmente qualcosa si muove.
Vengo convocata agli uffici del Verano per il 30/06 alle 11 mi dicono per la verifica del loculo…
Quando arrivo l’accoglienza tra zanzare tigre e formiche….. è stata la migliore. Ero in attesa davanti agli uffici del Verano mi sento un formicolio sui piedi e mi accorgo che tante formiche stavano stazionando sui miei piedi… ma tralasciamo.
Entrando negli uffici ci dicono di aspettare la squadra che ci porterà al loculo. Mi fanno presente che già lunedi scorso 28/06 era stata aperto il loculo ma che non c’era nessuno e già li la mia risposta è stata “Se qualcuno mi avesse avvertito…”
Arrivati al loculo dire uno spettacolo raccapricciante è dire poco. Sugli angoli c’è il vellutello e tracce di umidità che dire da anni è veramente poco. Faccio presente agli operai che ci accompagnano che già le segnalazioni all’AMA e agli uffici del cimitero per questa situazione a dir poco indecente erano state più volte fatte da mio padre ma nessuno aveva provveduto.

Cimitero Verano, nessuno paga per questo schifo

Un operaio piccona la lastra che copre il loculo e dice: “La signora ha ragione qui c’è da fare il restringimento delle bare che sono all’interno”
Ma va???? Quindi da oggi riparte altro tempo che non si sa quanto sarà però i soldi se li sono presi subito. E possibile che con tutte le tombe, cappelle, loculi  etc etc etc e pagamenti che vengono fatti per rinnovi, tasse e chissà quanto altro si debba vedere uno stato di loculi come quello che ho visto???
E possibile che a Roma si debba aspettare tutto questo tempo per avere il proprio genitore sepolto dove lui voleva?? Ed ora quanto ancora dovrò aspettare visto che i dipendenti  causa Covid lavorano in smart working?
Voglio e pretendo chiarezza, voglio e pretendo  una sepoltura per mio padre soprattutto in un luogo idoneo per lui e per tutte quelle persone che magari hanno fatto denunce ma nessuno li ha sentiti.
Mi ci metto anche io, ci metto la mia faccia e non mi nascondo.
Alessandra Macchi
Per approfondire